lettera

Lettera di un cantore

Cari presidente, maestro e cantori tutti; cari parenti e simpatizzanti del Gruppo Cantori del Fuso,

è passato un anno dallo scoppio della maledetta pandemia e, nonostante l’incertezza sulla durata di questa situazione, vogliamo pensare in modo positivo al prossimo futuro! Dobbiamo continuare a essere, ora più che mai, quel coro nel quale la parola Gruppo conta più della parola Cantori!

Non permettiamo alla polvere che si accumula sui ricordi e sulle emozioni di attenuare il nostro entusiasmo. Continuiamo, ora più che mai, a tenerci in contatto per accorgerci che non si è mai persa la volontà, da parte di tutti, di ripartire alla grande.

E guai a lasciarsi prendere da certe pigre abitudini di questi mesi: pronti (quando sarà il momento) a lasciare il divano per andare alle prove, a studiare per recuperare un po’ del tempo perduto, ma anche a rimettere tutti insieme i piedi sotto la tavola, e così via!
Rafforziamo dunque il saldo legame creato nei precedenti anni di prove, concerti, rassegne, merende, gite, esperienze di ogni tipo, compresa quella più dolorosa: la perdita del nostro povero Luigi.
Il Gruppo Cantori del Fuso si confermi, ora più che mai, come un’entità vera e ben viva, nonostante la tristezza dell’anno appena trascorso.

Appena possibile, torniamo a far musica e riprendiamoci anche il nostro ruolo sociale e ricreativo, verso noi stessi e verso chi ci vuole bene. La delusione provata per gli eventi e progetti cancellati, diventi voglia di riorganizzarli, e trasformare le nostre idee in realtà.
Ripresentiamoci, quando sarà consentito , al nostro pubblico “dal vivo” (nel rispetto casomai di nuove regole): il contatto con la gente, in carne e ossa, ora più che mai, ci è indispensabile!

All’ascolto dei canti popolari, può capitare a più d’uno il desiderio di cantare in coro, e di credere di non esserne capaci: è una cosa che sentiamo dire spesso, alla fine dei concerti. Ma noi, al contrario, sappiamo che chiunque, con un briciolo di intonazione, possa entrare a far parte di un coro! Approfittiamo allora di questo periodo per promuovere tale possibilità fra amici, parenti e conoscenti; ricerchiamo, ora più che mai, nuove voci!
In fase di ripartenza, speriamo presto, noi tutti dovremo rifare buona parte del percorso di studio del repertorio, a suo tempo già compiuto. È una vera occasione: i “nuovi arrivi” troverebbero una situazione favorevole per integrarsi e colmare la distanza rispetto agli “effettivi”!
Facciamo sì che chi ha voglia di cantare si faccia avanti!

Nell’attesa di tornare “in presenza”, scambiamoci un fortissimo abbraccio virtuale!

Lupazzano, febbraio 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.